Chi sarà il prossimo capocannoniere

Il capocannoniere del campionato è uno tra i più importanti obiettivi di chi gioca in serie A ma non è così facile da ottenere perché vi sono molti attaccanti che possono aspirare a questa interessante ma non solo.

Nella serie A come in tutti gli altri campionati di calcio del mondo ogni giocatore, molto spesso gli attaccanti, sperano di ottenere il titolo di capocannoniere. Questo titolo offre un grande prestigio a chi lo ottiene quindi non è un segreto che tutti i giocatori tentino di raggiungere un risultato del genere. Vediamo le caratteristiche che possono influenzare l’andamento delle partite.

Per cercare di vincere il titolo di capocannoniere è necessario che il giocatore faccia parte di una squadra molto ben equipaggiata perché sono rarissimi i giocatori che riescono dal nulla a creare delle ottime occasioni da rete. Ma anche in questo caso probabilmente non sarebbero molte le realizzazioni perché il calcio è un gioco di squadra e ciò significa che per vincere è necessario che tutte le “rotelle dell’ingranaggio” girino con una precisione assoluta, come si può vedere dal sito areascommesse. Da ciò si deduce che quasi sempre riescono a vincere il titolo gli attaccanti che militano in una squadra di livello ma nemmeno questo potrebbe essere sufficiente. Molto spesso i giocatori appena acquisiti nel primo anno non riescono a offrire le dovute prestazioni perché c’è sempre il periodo di ambientamento.

Vediamo i primi sei migliori attaccanti della serie A:

  • Al primo posto c’è lo juventino Gonzalo Higuain che ha realizzato venti reti in ventisei partite;
  • Al secondo posto troviamo il giallorosso Edin Dzeko che ha ottenuto diciannove reti, una su rigore, in venticinque partite;
  • Al terzo posto c’è il granata Andrea Belotti ha realizzato diciassette reti, una su rigore, in ventuno partite;
  • Al quarto posto il napoletano Dries Mertens con all’attivo sedici reti, una su rigore, in ventidue partite;
  • Al quinto posto il nerazzurro Mauro Icardi è riuscito a segnare quindici reti, una su rigore, in ventitre incontri;
  • Al sesto posto il laziale Ciro Immobile con tredici reti, tre su rigore, in ventitre partite.

Questi sono gli unici giocatori che potrebbero cercare di guadagnare questo interessante titolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *